Solar Decathlon 2018, la Coppa del Mondo della Sostenibilità

Qualcuno le aveva già definite come “le Olimpiadi dell’energia pulita”. Stiamo parlando di Solar Decathlon, competizione internazionale nata nel 2002 su iniziativa del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti d’America (US DoE), giunta ormai alla sua ottava edizione, che mette di fronte 22 atenei sparsi per il mondo per la realizzazione di abitazioni energeticamente sostenibili. La sede dell’edizione del 2018 è, per la prima volta, fuori dal continente americano: l’acronimo SDME identifica quella in corso come la Middle East competition.

Integrazione e politiche migratorie: cosa vuol dire “aiutarli a casa loro”?

Integrazione e politiche migratorie

L’articolo di Marco Binotto sul caso “Renzi-aiutiamoli a casa loro” è, a mio giudizio, molto convincente in alcune parti.
E’ vero. Renzi, nel suo libro, e il Partito Democratico hanno utilizzato un lessico della comunicazione politica della destra. “Aiutarli a casa loro” è un’espressione di uso comune diffusa da almeno un trentennio – in coincidenza con l’inizio del fenomeno migratorio dall’Europa orientale e dai Paesi extraueropei – che indica esattamente il contrario di un approccio solidaristico. La traduzione è “non ce li vogliamo, stiano a casa loro”, con tutto il portato di esclusione e gerarchizzazione giustamente evidenziato da Binotto.

“A casa loro”, il buon senso delle politiche migratorie

In un’intervista al Tg2 il segretario del PD Matteo Renzi ha voluto precisare le parole della tanto discussa “cartolina” diffusa dai profili social del suo partito. Nel farlo non solo ha confermato che non si è trattato, come si è pensato nelle prime ore, di un “errore” dello staff di comunicazione ma che si tratta di una precisa scelta politica e culturale. Quella già vista nel decennale rapporto tra media, politica e immigrazione.

La costruzione delle migrazioni come “problema” sociale e di comunicazione: un’analisi dei programmi extra-tg di Rete4

I flussi migratori hanno posto una grande sfida al sistema informativo, tuttavia narrazioni spesso stereotipate e appiattite sull’emergenza contribuiscono a costruire l’idea che l’immigrazione sia innanzitutto un problema sociale. A tal proposito la televisione ha giocato un ruolo primario, facendo del “tema immigrazione” uno degli argomenti principali dei propri palinsesti. Secondo il Rapporto annuale Carta di Roma 2016 Notizie oltre i muri nell’ultimo anno il numero e il tono delle notizie sull’immigrazione hanno subito un ridimensionamento da parte di tutti i tg serali: sono in generale le reti Mediaset, in particolare il Tg4, a porre ancora l’accento sui temi della criminalità e della sicurezza, tre volte in più rispetto alle reti Rai e La7. In controtendenza appare invece la situazione nelle altre finestre informative.

Una sociologia del populismo è possibile?

Non è un caso che l’incontro con Manuel Anselmi promosso dalla Scuola di Dottorato Mediatrends per martedì 27 giugno, alle 14.30 presso l’aula B/9 del Dipartimento CoRiS, chiami in causa proprio i rapporti tra sociologia e populismo.

IL PERICOLO CORRE IN RETE. LA NUOVA FRONTIERA DELLA MINACCIA CIBERNETICA. Roma, 15.06.2017

 

IL PERICOLO CORRE IN RETE.

LA NUOVA FRONTIERA DELLA MINACCIA CIBERNETICA

Seminario internazionale

organizzato dalla Delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare della NATO

Fare ricerca nella scuola. L’atteggiamento critico come antidoto contro il tecno-entusiasmo

Innovare a scuola

Riflessioni intorno a Pitzalis M., Porcu M., De Feo A., Giambona F., Innovare a scuola. Insegnanti, studenti e tecnologie digitali, Il Mulino, Bologna 2016