Pubblicità e marketing

Adesso chiamo la ricerca contro la SMA e dono un mucchio di soldi!

zalone Sma

Famiglia SMA, è un’associazione di genitori di bambini colpiti da una grave malattia genetica: L’Atrofia Muscolare Spinale. Dal 25 settembre all’8 ottobre è attiva una campagna di raccolta fondi che culminerà l’1 e il 2 ottobre con la presenza, in oltre cento piazze italiane, dei volontari dell’associazione.

Branded Content su Facebook: occhio al tag!

branded-content

Lady Gaga per Intel, Chiara Ferragni (alias The Blond Salad) per Max Mara e Belen Rodriguez per Guess: l’influencer marketing, soprattutto di fronte ai protagonisti di musica, moda e spettacolo, dà il meglio di sé perché si tratta di un tipo di strategia che del background e dell’audience di questi soggetti fa il suo punto di forza e si esplicita con la produzione di branded content.

Visual Storytelling: perché un’immagine vale più di mille parole

Visual-Storytelling

Probabilmente è sbagliato iniziare un articolo in questo modo, quasi certamente è improbabile leggere un testo che inizia con tre incisi, ma forse tutto ciò è utile per fare chiarezza su cosa intendiamo per visual storytelling.

Il futuro retrò della comunicazione online

futuro-comunicazione-giphy

«Da quando esistono i mass media gli esseri umani hanno spesso utilizzato slogan, testi di canzoni, citazioni di film per semplificare la propria comunicazione. Lo facciamo perché crea legami immediati tramite conoscenze comuni e al tempo stesso consolida la propria identità». Per chi studia comunicazione, stiamo parlando del processo di costruzione identitaria che caratterizza ognuno di noi (Comunello, 2010). Se infatti è vero che i media contribuiscono alla nostra capacità variabile di dar senso al mondo (Silverstone, 2002) e l’identità non è un qualcosa che si è ma piuttosto ciò che si fa (Buckingham, 2008, p. 8), è altrettanto vero ciò che Adam Leibsohn COO (Chief Operating Officer) di Giphy ha spiegato durante il suo speech in occasione della TNW Conference di New York a novembre 2015.

Social Media: statistiche 2016

social-media-statistiche-2016

Ci siamo: il 2016 è arrivato ed è tempo di fare un punto della situazione sulle statistiche più aggiornate in materia di social media. E non è un compito facile. Già lo scorso anno abbiamo cercato di stilare una classifica della top ten dei social media nel mondo sottolineando come alcune piattaforme mettano in evidenza gli utenti attivi su base mensile, altri su base giornaliera, altri ancora solo gli utenti registrati. E questo non può che influenzare eventuali classifiche comparative. Per il nostro report annuale Social Media: statistiche 2016 abbiamo quindi deciso di analizzare nel dettaglio le maggiori piattaforme social utilizzate a livello mondiale. Ecco, in ordine sparso, cosa ne è uscito.

Carosello anche in arabo, cinese e inglese. Per l’integrazione

Tutti a rivedere Carosello. Anzi a vederlo (magari per la prima volta) online. Sotto forma di database interattivo, in 300 episodi a cartoni animati del ventennio ‘60/’70 catalogati e analizzati. E, soprattutto, anche tradotti in tre lingue: inglese, cinese e arabo. È quanto propone, dal 19 settembre 2015, www.videocarosello.it, una piattaforma realizzata dall’Accademia europea del Cartone Animato. L’ambizione è far conoscere ai più giovani, anche alle “seconde generazioni” composte da figli di immigrati nati e vissuti in Italia, storia e cultura del nostro Paese. E sì, perché questo fenomeno televisivo – nato nel 1957 e sviluppatosi nell’era della tv pedagogica – rappresenta una delle matrici culturali dell’Italia di oggi, di parte dell’enciclopedia di riferimento di quella generazione – oggi matura – che durante l’infanzia “andava a letto dopo Carosello”.

Pizza a portafoglio vs McDonald’s, dov’è la pubblicità?

È di pochi giorni fa una sapida polemica di stampo pubblicitario, che ha visto i pizzaioli napoletani (attraverso grandi nomi e associazioni di categoria) contrapporsi al colosso del fast food McDonald’s. Pietra dello scandalo, uno spot proposto da quest’ultimo per promuovere l’“Happy Meal”, storico “pacchetto” riservato ai bambini – che da sempre rappresentano uno dei principali target della comunicazione di McDonald’s, sia a livello mediatico che nella strutturazione dei punti vendita.